CONDIVIDI

Stefano Albertini, pilota ufficiale del Peugeot Rally Junior Team, ha debuttato al volante della 208 T16 del Leone.

Un’intensa sessione di test su asfalto per il giovane pilota bresciano per cominciare a conoscere la vettura e saggiarne le doti velocistiche.

Si tratta di un altro importante tassello nel percorso formativo di Albertini dopo l’esordio nel Peugeot Rally Junior Team e le due gare del Tricolore disputate con la 207 Super 2000.

Stefano Albertini: “La macchina è bellissima. Mi sono divertito molto. Ha freni incredibili uno motore che spinge molto anche a bassi regimi. Ho avuto una buona sensazione, la 208 T16 è sincera, sicuramente da capire, soprattutto nella cambiate…non avendo io mai usato prima di oggi una vettura turbo. Credo di essere riuscito ad adattarmi al meglio…passaggio dopo passaggio ho trovato un feeling sempre migliore, i tempi sembrano dimostrarlo. Paolo Andreucci mi è stato molto di aiuto, spiegandomi come modificare lo stile di guida. A questo livello di potenza ho guidato solo la 207 Super 2000 e ho trovato delle differenze sostanziali. Grazie al turbo, la 208 T16 ha un range di utilizzo dei giri motore che facilita molto la guida, non è più necessario tirare sempre le marce perché qui la coppia è molto più sfruttabile. Inoltre, sono rimasto sorpreso dalla precisione di guida, lo sterzo è molto sensibile con un diametro di sterzata minore rispetto alla 207 S2000. Sono felice perché questo test aggiunge ancora uno step al mio percorso di formazione. Prima l’essere pilota ufficiale Peugeot nel Campionato Italiano Junior con la 208 R2, poi la terra del Costa Smeralda e del San Marino con la 207 Super 2000, ora il debutto con la 208 T16…”

CONDIVIDI
Articolo precedenteDay 51. Instant Kyoto
Articolo successivoDay 52. Si, cioè no.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO