CONDIVIDI

Qual è l’immagine che tutti hanno in mente del ciclismo? Le grandi sfide Coppi-Bartali in salita, le cime innevate delle grandi sfide, i campioni a caccia di pendenze mozzafiato per fare il vuoto…

 

…ecco noi al Rally del Ciocco proprio quelle avremmo voluto evitare, le salite. La faccio breve: gara di casa, debutto della stagione e della 208 R2 dopo tanti anni di S2000….

 

Passiamo da 300 CV a 185 CV e da quattro a due ruote motrici e ti chiedi “Come compensare la differenza di prestazioni con gli avversari?” Semplice! Andando a caccia di discese e di asfalto umido…l’unico modo per far valere il mestiere e l’esperienza e annullare il vantaggio degli avversari.

 

Ci siamo riusciti? Direi di si. Dominio nella classe e ottavo posto assoluto…ma che fatica!!! Perché mai come questa volta ci siamo ricordati che prima di una discesa c’è comunque una salita!!! Guardate qui:

 

Rally Ciocco 2013 – Highlights

 

 

Paolo e Anna

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO