CONDIVIDI
Peugeot ama Italia

Peugeot ama Italia

Peugeot entra nella mischia, placca l’avversario, si smarca, finta e, dopo una travolgente discesa, va a meta!

 

Per i prossimi due anni il Leone sarà, infatti, a fianco della Federazione italiana rugby (Fir). Ad essa fornirà i veicoli che saranno utilizzati per i trasferimenti dei suoi dirigenti e dei suoi tecnici sui campi d’allenamento e di gara.

Non solo uno sport, ma uno stile di vita.
Il rugby, diceva Oscar Wilde, è “uno sport bestiale giocato da gentiluomini“, una disciplina in cui lo spirito di squadra, il lavoro di gruppo, la lealtà, il rispetto delle regole del gioco e degli avversari sono valori fondamentali; valori che Peugeot, nei propri veicoli, declina anche in sicurezza, affidabilità, robustezza, serietà, sviluppo di nuove tecnologie.

L’accordo firmato dal Marchio e da Fir ha avuto come primo atto ufficiale la consegna delle chiavi di una vettura a Jacques Brunel, allenatore del quindici azzurro, alla vigilia dell’incontro Italia – Francia
(per il Marchio un vero e proprio derby) del 3 febbraio allo Stadio Olimpico di Roma, prima sfida del prestigioso Sei Nazioni: un Torneo unico per ogni giocatore di Rugby come ci racconta Sergio Parisse – capitano italiano Rugby:

 

“Tutti i test-match con la maglia della Nazionale sono emozionanti, ma il 6 Nazioni rappresenta davvero qualcosa di unico per un giocatore. E’ un Torneo che si gioca da più di cento anni, che offre ogni anno il meglio del rugby europeo e mondiale, che ogni anno sembra avere una candidata ideale per la vittoria ma alla fine è sempre incerto ed equilibrato sino all’ultimo istante. Credo che nemmeno i Mondiali, che vengono ogni quattro anni e rappresentano un grande approdo per la carriera di un atleta, abbiano il fascino del 6 Nazioni. Ogni anno non vediamo l’ora di scendere in campo nel Torneo davanti al nostro pubblico o giocare in alcuni degli stadi più importanti del pianeta come il Millennium di Cardiff, Twickenham casa degli inglesi o il modernissimo Aviva Stadium di Dublino. Il Sei Nazioni è davvero unico, è davvero IL Torneo”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO