CONDIVIDI

M_936d54a8-9b25-4f27-97f2-d9631fd75e01

Giovedì 19 maggio prende il via da Brescia la 34esima rievocazione storica di quella Mille Miglia che fu definita (e viene ricordata) come “la corsa più bella del mondo” e che si disputò per ventiquattro volte tra il 1927 ed il 1957. Peugeot sarà presente con la 203 guidata da Alberto Donghi, in coppia con Andrea Farina, per rivivere le emozioni delle edizioni del 1953 e 1954.
Nel ’53 la Peugeot 203 condotta da Gino Munaron, in coppia con Lucio Finucci, fu prima della sottoclasse fino a 1300 cc, mentre l’anno seguente una vettura gemella guidata da Paul GiraudPierre Allanet si classificò al 64esimo posto assoluto, risultato eccellente in considerazione della cilindrata della vettura e dell’elevato numero degli iscritti: ben 378 di cui solo 182 tagliarono il traguardo d’arrivo. Come le altre auto in “gara”, la Peugeot di Donghi affronterà in quattro giorni il tragitto che le 203 di Munaron-Finucci e Giraud-Allanet coprirono in un solo, tiratissimo giorno: prima tappa, Brescia – Rimini; seconda tappa, Rimini – Roma; terza tappa, Roma – Parma; quarta tappa, Parma – Brescia, con una prova cronometrata sul leggendario Circuito d’Alta Velocità dell’Autodromo di Monza.

M_3a98c758-def1-4e16-8ed8-2e97877ff905

203, l'”Oca di latta” in salsa francese

Lo studio per quella che sarà la 203, iniziato alla fine del 1944, scarta la trazione anteriore giudicata troppo costosa. Si colloca in un contesto in cui l’acciaio è raro e la benzina cara. La nuova Peugeot sarà quindi economica nella costruzione grazie a una architettura classica – motore anteriore e trazione posteriore – leggera grazie alla monoscocca, sobria ma brillante, grazie al motore con testata emisferica e con un cambio dalla quarta marcia surmoltiplicata. La linea, disegnata da Henri Thomas, sarà di ispirazione americana con forme morbide e parafanghi arrotondati simili alla Lincoln di moda Oltreoceano. La 203 viene presentata al Salone di Parigi nell’ottobre 1948, quando la fabbrica di Sochaux è ancora “convalescente” dopo gli eventi bellici. La preparazione delle attrezzature di produzione è difficile e costosa, anche perché Peugeot vuole ripartire col piede giusto. L’azienda sceglie di acquistare macchinari nuovi ad alto rendimento. Gli obiettivi sono ambiziosi: la capacità di produzione è fissata in 300 vetture al giorno, il tempo di fabbricazione dovrà essere inferiore alle 500 ore al momento del lancio, per poi scendere a 400 e poi a 300 ore nel giro di qualche anno. Infine, un ritorno alla politica del modello unico, con due tipi di carrozzeria, a passo corto per la berlina e lungo per la versione familiare e commerciale. Tutte le altre versioni, le berline trasformabili, le coupé e cabriolet vengono allestite a La Garenne.

M_7bfd15c4-ffc7-4974-ab87-fcf828ab02dc

Cronologia

1948, ottobre               Presentazione al Salone di Parigi
1948                           Inizio consegna vetture, berline e trasformabili
1949                           Introduzione familiari e commerciali a passo lungo
1952                           Presentazione della cabriolet
1953                           Presentazione della coupé, nuovo motore da 45 CV
1954                           Nuovo cambio di velocità, termina la produzione delle coupé e                                          delle trasformabili
1954                           Nuova versione 203 C
1956                           Termina produzione della cabriolet e delle familiari
1957                           Termina la produzione delle camionette
1958                           Termina la produzione del telaio cabinato e delle ambulanze
1960                           Termine produzione

M_c3c8e73c-b659-439a-8182-49254fe7b101

Principali caratteristiche tecniche

Motore                        tipo TM 4 cilindri a benzina, anteriore
Cilindrata                   1.290 cc
Corsa x alesaggio       75×73 mm
Testa                          in Alpax emisferica
Potenza                      42 CV (poi 45 CV) a 4500 giri
Raffreddamento         ad acqua
Frizione                      monodisco a secco
Cambio                       4 marce più retromarcia
Trasmissione              posteriore, ponte vite senza fine 4 x23
Sterzo                         a cremagliera
Freni                           idraulici a tamburo
Sospensioni                a lama anteriore, ammortizzatori idraulici a leva
Ruote                          155 x 400
Lunghezza berlina       4.350 mm
Larghezza berlina        1.620 mm
Altezza berlina            1.500 mm
Passo berlina              2.580 mm
Massa a pieno carico   1.300 kg Velocità 115 km/h

M_b19c2af4-f186-42d7-8654-bfc6101c8c11

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO