CONDIVIDI

Dopo 3 giorni passati a Alxa Youqi nella regione della Mongolia Interna, il bivacco dei
partecipanti al China Silk Rally si è spostato a circa 200 chilometri e per due giorni avrà
la sua base a Zhangye.
L’ottava tappa del China Silk Road Rally – che comprendeva 167 chilometri di prova
speciale interamente sabbiosi – ha riservato qualche sorpresa importante: 100 chilometri
di dune gigantesche.
Le due PEUGEOT 2008 DKR hanno concluso la prova al 3° e 4° posto e confermano la
loro leadership nella classifica generale a 5 tappe dalla fine.

2008 DKR 1

Stéphane Peterhansel: « E’ da tanto che non vedevo dune gigantesche come queste.
Nemmeno a Dubai! Alcune erano alte 200 metri. La sabbia era compatta, è questo ci ha
facilitato il compito ma ci ha posti davanti a delle domande. C’è il rischio di rimanere
insabbiati? È il caso di trovare un varco? Devo dire che non è stato semplice trovare le
giuste risposte, per cui abbiamo preferito portare a casa il risultato. Lui Kun ci ha
superati, era velocissimo. Conosce bene il luogo e dispone di 500 cavalli, ma è comunque
un ottimo pilota. Quando ci ha superato abbiamo cercato di inseguirlo, ma invano.
Complimenti a lui! »

2008 DKR 4

Cyril Despres: « In questi 100 chilometri di dune sembrava di stare al luna park. Vista la
loro altezza, abbiamo preferito avere un approccio intelligente e non correre nessun
rischio. Per superare alcune dune, talvolta alte 300 m – abbiamo dovuto prendere lo
slancio. E comunque la 2008 DKR si è trovata più a suo agio delle sue concorrenti. E’
stato difficile perché non eravamo soli. Dovevamo tenere conto delle posizioni di
Stéphane, Liu e Christian. Difficile anche perché potevamo insabbiarci. »

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO