CONDIVIDI

La gara gioiello della stagione 2010 è stato il rally vincente di Sanremo. Non è stata una gara facile, innanzitutto perché dovevo confrontarmi con Hanninen e Loix, due tra i piloti più forti al mondo, poi perché il campionato era ancora aperto e non potevo fare il ragioniere con la classifica. Insomma dovevo dare il massimo, dalla prima all’ultima prova speciale.

 

In più, avevo uno stimolo speciale per puntare al gradino più alto del podio. Ora vi racconto la faccenda. Una sera, dopo le ricognizioni pre-gara, Anna ed io passeggiavamo per le vie del centro di Sanremo guardando le vetrine dei negozi. Dovete sapere che io ho una vera passione per gli orologi e così m’ero incantato davanti ad una gioiellerie che esponeva un magnifico esemplare di cronografo.

 

Forse perché mi sentiva pessimista sul risultato della gara e, quindi, per darmi un stimolo in più, Anna mi promise che in caso di vittoria mi avrebbe regalato quell’orologio. Proprio quell’orologio!

 

Fatto sta che tagliato il traguardo, completato il rito del podio e quello delle interviste, con le tute ancora bagnate di champagne, la mia compagna mi ha trascinato di peso in quella gioielleria, da cui sono uscito con il mio nuovo orologio al polso.

Solo in seguito ho saputo per caso che per pagare quell’orologio Anna si è quasi svenata ma, se si fanno, le promesse vanno mantenute. In fin dei conti la mia, che era quella di vincere, l’avevo mantenuta. Vero, Anna?

 

Paolo Andreucci 

Campione italiano 2010 con Peugeot 207 Super2000


NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO