CONDIVIDI

« Onyx possiede la forza di una supercar, con le sue linee estremamente aerodinamiche. E’ unica per il suo stile scolpito, cesellato, per i materiali impiegati e l’architettura innovativa. Come tutte le concept-car del Marchio, Onyx non è soltanto un’opera, è innanzitutto una vettura. Ha lasciato il segno in tutti i circuiti in cui è stata. »
Gilles Vidal, direttore dello Stile Peugeot

Un vestito … attillato

Una silhouette radicale… una sensazione intensa nasce fin dal primo sguardo.
Onyx con la carrozzeria profilata cattura l’attenzione per il sorprendente contrasto dei materiali e dei colori. Sagomati a mano da un maestro artigiano, i parafanghi e le portiere sono realizzati con una lastra di rame puro. Questo metallo, lucidato a specchio, non utilizza nessuna protezione. Questi elementi in rame contrastano con una tinta di carrozzeria quasi minerale, un nero grafite come l’onice, che riveste gli altri pannelli della carrozzeria in carbonio.

 

Punto di collegamento tra l’esperienza e il futuro, Onyx integra il presente rendendo omaggio alla RCZ per il suo padiglione con la doppia bombatura e le arcate in alluminio. Completamente trasparenti, per rivelare la struttura in carbonio e l’abitacolo, la vetratura e il padiglione sono realizzati in PMMA, polimetacrilato di metile. Chiudendo questo bozzolo, garantiscono agli occupanti una protezione ottimale grazie alla loro nano-struttura ultraresistente.

 

 

Una supercar dalle alte prestazioni

Il telaio di Onyx è una parte innovativa, sviluppata grazie al know-how di Peugeot Sport e della Direzione Ricerca e Sviluppo del Gruppo. In carbonio monolitico, questa struttura centrale è costituita da 12 pezzi soltanto.
Imbullonati alla scocca in carbonio, il motore V8 ibrido HDi FAP® da 3,7l e l’insieme ruote-sospensioni sono frutto dell’esperienza di Peugeot Sport, accumulata e comprovata sulle piste di tutto il mondo. Il V8 trasmette la potenza dei suoi 600 CV alle ruote posteriori tramite un cambio sequenziale a 6 marce. Questa potenza sfrutta idealmente le proporzioni compatte : 4,65m di lunghezza, 2,20m di larghezza, 1,13m di altezza … 1100 kg …
La tecnologia intelligente HYbrid4, recupera l’energia cinetica che viene normalmente persa nelle fasi di frenata. Stoccata nelle batterie agli ioni di litio, viene poi recuperata automaticamente durante le accelerazioni, fornendo una potenza supplementare di 80 CV.

 

 

Un posto di guida innovativo per un’esperienza inedita

Al pari della carrozzeria, fa poco uso di materiali e conserva solo quelli utili alla realizzazione dei pezzi e alla loro tenuta. Il risultato è un abitacolo evidente, quanto più possibile vicino ai suoi occupanti. Quanto ai materiali, quali usare ? Come applicarli ? Onyx esplora anche il loro ciclo di vita. E dimostra che si possono conciliare le esigenze della clientela, le alte prestazioni e la conservazione delle risorse naturali.

 

Composto di feltro, compresso e stirato, l’abitacolo è modellato come uno scrigno in un pezzo unico, senza cuciture né raccordi. Caldo e morbido, il feltro proviene da una tradizione antica. Ottenuto a partire dalla lana cotta, dalle fibre intrecciate, questo materiale è completamente riciclabile ed è un eccellente isolante termico. Inoltre, migliora la qualità dell’aria circostante perché la deumidifica.

 

La plancia è realizzata in un nuovo tipo di « legno », il Newspaper Wood. E’ prodotto a partire da giornali usati, assemblati e compressi per creare nuovi blocchi nei quali sono realizzati i vari pezzi. L’illusione ottica è perfetta, con alcune venature che percorrono la superficie. Ma uno sguardo più attento svela il segreto, grazie alla comparsa dei caratteri di stampa.

 

La consolle, anch’essa in feltro, esalta l’eccellenza dell’artigianato con un capolavoro, un pezzo in cristallo, realizzato da un maestro della lavorazione del vetro soffiato. E’ il serbatoio,il cui livello è indicato nella parte superiore mediante fini cesellature. Ma, in un altro involucro interno, contiene anche l’«essenza» di questa supercar, il suo spirito. Diffuso nell’abitacolo dagli aeratori, questo profumo restituisce l’osmosi dei materiali utilizzati.
Infine, la consolle ospita i comandi della climatizzazione bizona, realizzati in una barra di alluminio, semplicemente lavorata al tornio, fresata e poi riassemblata.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO