CONDIVIDI
Le fantastiche vedute per lo Sherman Pass

 

Tappa 5 – Republic – Chewelah
Km tappa: 128
Km totali: 590
Altimetria scalata: 1377 mt

 

 

Le fantastiche vedute per lo Sherman Pass

 

 

Occorrono sempre un po’ di giorni prima che tutto vada a regime, il metabolismo a frullare e le gambe a girare in modo automatico. Sto entrando in sintonia con la distanza e con il ritmo. Mi sento bene, fisicamente e mentalmente, e per il tipo di viaggio che sto facendo questo è piu’ importante di molte altre cose. Stamani la scalata al Passo Sherman è stata una delizia (contrariamente a quanto avevo letto è a 1650 mt), curve ampie dall’asfalto perfetto, nessuna macchina e natura a 360°. Nelle narici odore di montagna, nei miei occhi il verde piu’ vivace.

 

La mia Peugeot CS01 Sport

 

Io, la mia Peugeot, il respiro ritmato e regolare, il suono perfetto dei pignoni che mordono la catena e via su’ verso la vetta, l’ennesima, a toccare il cielo. Chi ama questo straordinario mezzo di trasporto sa benissimo di cosa parlo. E’ la semplicità fatta felicità.

 

Republic, WA

 

Una temperatura ideale fino alle 10 del mattino, il copione poi è piu’ o meno lo stesso, dal paradiso all’inferno senza passare dal purgatorio. Escursione termica notevole e mentre la mattina (stamani appena uscito dall’albergo erano 6°) fa’ fresco, nel pomeriggio è una fornace a cui far fronte con acqua, sali minerali ed integratori.

 

Lo Sherman Pass, un altro passo è stato conquistato.

 

Alle 10 sono in cima allo Sherman, accanto a me un gruppo di trekkers si preparano per un’escursione. Mi butto giu’ lasciando che la forza di gravità svolga il suo lavoro e mentre torno a valle assaporo ogni metro e ogni panorama che questo posto maestoso mi riserva. A fianco della strada limpidi e trasparenti ruscelli, nel verde dell’erba alta qualche capanno di avvistamento che ha visto giorni migliori.

 

Republic, WA. La complicatissima mappa della città.

 

A Kettle Falls, cittadina dai prati verdissimi e dai rangers gentili, mi fermo per il pranzo e sotto un’ombra che sembra la piu’ ritemprante del mondo penso a quanto è grande questo paese, penso alla sua stupefacente diversità. Riparto e dopo 8 miglia sono a Colville dove, momentaneamente, punto a sud con la Highway 395, direzione Chewelah.

 

Sulla Highway 395, direzione Chewelah.

 

Sulla “395”, scarsamente trafficata, bella, sinuosa e veloce, tutte le scelte che abbiamo fatto sul tipo di bici e su come allestirla in vista del viaggio si giustificano da sole. Le gomme e le ruote da corsa tagliano l’aria e sibilano sull’asfalto perfetto, metto la “52”e senza spingere sono a 35-40 km/h. La gamba si limita a mantenere l’andatura e io non ricordo neppure di avere le borse con l’attrezzatura. A Chewelah mi fermo, 128 km sono andati nel montepremi e domani si riparte.

Domani io e la mia Mademoiselle entriamo in Idaho. Lo stato di Washington, “The Evergreen State”, sarà il primo che mi lascerò alle spalle.

 

Andrea Tozzi

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO