CONDIVIDI
08.30 del mattino. Il sole è gia' forte in Montana.

 

 

Tappa 17 – Glasgow, MT – Circle,
Km tappa: 168
Km totali: 1949
Altimetria scalata: 713 mt

 

 

08.30 del mattino. Il sole è gia' forte in Montana.

 

Io e la mia Peugeot CS01 stiamo attraversando lo stato piu’ spopolato d’America e questo significa che spesso, le distanze non le decido io, le decide il Montana.

 

Sulla strada per Wolf Point

 

Tra una cittadina e l’altra, per esempio da Wolf Point che ho lasciato a metà mattina, fino a Circle, destinazione della tappa, ci sono esattamente 90 km di colline, di erba verdissima che sibilla nel vento e di sole inclemente, che come un maglio colpisce senza alcuna pietà. Nel mezzo non c’è niente, per cui 80 o 170 km.

 

La mia Peugeot CS01 Sport al rendez-vous con il fiume Missouri

 

In Montana, tranne la parte iniziale nella Glacier County, non esiste ombra. Sono arrivato alle 13.30 a Circle, letteralmente fumante. Ho le braccia in fiamme, sebbene abbia usato una potente crema solare. A 10 km dall’arrivo ho finito l’acqua e a quel punto, quei 10 km si sono dilatati come fossero 50.

 

A Circle lo Sceriffo, è anche il capo dei Vigili del Fuoco

 

Nella mia mente l’immagine subliminale di un enorme bicchiere d’acqua con il rumore fantastico dei cubetti di ghiaccio che ballavano dentro. Sottrarsi a una tale canicola, vedendo la piccola cittadina avvicinarsi dal niente, è stata per me una gioia autentica. Questa è la Peugeot TransAmerica, nel pacchetto c’è tutto.

 

Circle, Montana

 

Pedalo su un enorme altopiano. Tutto il Montana che ho attraversato, tranne ovviamente la regione del Glacier, ha la quota considerevole di circa 700-800 metri e oggi, appena passato Wolf Point, ho avuto anche il piacere di incontrare una leggenda americana, il fiume Missouri.

 

Circle, Montana

 

Il nostro mondo, quello mio e della mia Freccia dell’Est, e’ un luogo fatto di farm e ranch, un luogo mitico di agricoltura, di verde brillante e giallo acceso, di sole che brucia e di campi dai raccolti abbondanti. Soprattutto un mondo fatto di strade lunghissime e di distanze enormi. E’ un mondo bellissimo.

 

Le perfette, infinite strade su cui vola la mia Freccia dell'Est

 

E’ uno degli stati che avevo nel cuore fin da quando ero piccolo, però da prendere con le molle e da affrontare con il massimo rispetto. Un posto in cui, se non si è in grado e disposti a coprire distanze notevoli, si rischia di rimanere bruciati, letteralmente. La velocità che sto sostenendo durante le tappe, oltrechè un’autentico piacere per me, è anche una necessita’, quella di limitare le ore di esposizione al sole e comunque, di coprire le tappe entro la mattinata o l’ora di pranzo.

 

Un grandissimo stato, con persone amichevoli e di cuore. Grazie a tutti voi, fantastici Montanians, per la gentilezza e la simpatia che mi avete dimostrato in ogni occasione. Domani arrivano i 2000 km e sto per entrare in Nord Dakota. La galoppata continua…

 

 

Andrea Tozzi

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO