CONDIVIDI
In riva al lago

 

Tappa 26 – St Cloud, MN – Waconia, MN
Km tappa: 123
Km totali: 3153
Altimetria scalata: 490 mt

 

 

(Video) Partenza Tappa 26. St Cloud…poco prima del diluvio

 

In riva al lago

 

Ci sono giornate e giornate. Condizioni fisiche, mentali, umore, tutto sempre in continuo mutamento, sempre in viaggio. Un’Avventura di questo tipo, di ciclismo ad ultradistanza in solitaria, entra nelle ossa e nel cuore, oltre alla bellezza oggettiva del paese, proprio perche’ ogni giorno c’è qualcosa di nuovo, dove mai niente è scontato. E’ una storia da vivere insieme alla strada, che puo’ essere tua amica, darti forza ed entusiasmo, oppure puo’ trasformarsi in nemica, pronta ad infierire sulle tue debolezze, sulle tue incertezze.

 

Scorci di Minnesota

 

E’ una presenza con cui parli e ti confidi, ma anche ci litighi a morte e la odi. La strada ti guarda, ti ascolta, è curiosa e vuol sapere chi sei. E’ un braccio di ferro in cui le botte che prendi le devi saper ridare con gli interessi, altrimenti lei si prende tutto. Sente la tua paura, la tua incertezza e l’America in bici non l’attraversi. Non fai neppure un metro se tentenni e davanti hai quasi 6000 km. Quasi 5 volte l’Italia intera, dalla Val d’Aosta alla Sicilia.

 

Waconia, MN

 

Ci sono tappe in cui lo sguardo vaga, la mente spazia tra i ricordi e lo splendore che ti circonda, sono tappe in cui la bici corre sull’asfalto da sola, tu sei altrove e puoi permetterti di farlo. Ci sono altre tappe invece in cui devi essere cinico, in cui la tua mente deve tornare sulla bici e ai fondamentali, pedalare, fare strada e tenere duro. Tutto quello che conta è arrivare, senza badare ad altro, come diceva il Califfo, tutto il resto è noia. L’obiettivo è quello, non cedere, non mollare. Ogni metro che fai è uno in meno dal punto d’arrivo. Questo è il ciclismo secondo me, un’arte onesta e pulita senza trucchi e senza scorciatoie, che assume sempre forme differenti e che richiede, davvero, una passione totale. E’ sinonimo di poesia ma anche realismo e, qualche volta, occorre essere spietati. Anche con se stessi se serve. Se ti prende non ti molla piu’.

 

La mia Peugeot CS01, all'arrivo a Waconia

 

Le giornate come oggi in cui non vedi dove stai andando, dove le gomme da corsa non sono il massimo sul bagnato, dove l’acqua ti entra dappertutto anche se hai tutto il Goretex del mondo, in cui trovi deviazioni che ti fanno perdere km e che allungano l’agonia, in cui vorresti essere al riparo mentre sei esposto a tutto, da solo. Ecco, sono queste le giornate a cui non potrei rinunciare e che sono orgoglioso di poter vivere. Oltre al territorio, oltre al paese e a tutto quello che di fantastico è legato a questa spedizione, oggi è stata una grande giornata per me e la mia Peugeot, punto. Una di quelle giornate in cui tutto, nella durezza, è semplice e chiaro. Cristallino. Una grande giornata per la Peugeot TransAmerica, che procede verso il profumo dell’Atlantico.

 

"L'incontro" col Mississippi, ieri a St Cloud

 

Era un pezzo che non prendevo tanta acqua cosi’ violenta, però non mi lamento, il meteo con noi è stato buono finora. Incredibilmente è solo il secondo giorno di pioggia in un mese di viaggio. Tappa 26 di 123 km. Da St Cloud sono a Waconia, poco a ovest di Minneapolis. E domani si riparte.

 

 

 

Andrea Tozzi

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO