CONDIVIDI
La multicolore segnaletica americana

 

 

Tappa 30  – Onalaska, WI –  Spring Green,  WI
Km tappa: 163
Km totali: 3651
Altimetria scalata: 879 mt

 

 

La multicolore segnaletica americana

 

 

Li noto quasi per caso, distrattamente. Forse perché sapevo della loro presenza in Ohio e in Pennsylvania, ma non qui. Ai lati della strada, sulla sinistra, c’è un piccolo insediamento in cui a colpo d’occhio, qualcosa è diverso dal solito. I cavalli, pulitissimi e dal pelo lucente, sono imbrigliati in fila, quasi dovessero trainare una diligenza.

 

 

I "Buggies", i carretti delle comunità Amish

 

 

Accanto a loro ai bordi del prato, tanti piccoli carri neri (Buggies) sembrano dar vita ad un insolito parcheggio del 1800. Il tempo di osservare meglio e da una casa con un grande portico di legno escono un uomo e due bambini. Lui ha un corpetto nero, barba lunga e un capello a tesa larga.

 

 

 

Lungo la strada, affascinanti case

 

 

I bambini sono vestiti in modo semplice e decisamente antico. E’ il mio primo “incontro” con una comunità Amish, qua in Wisconsin. Pochi secondi e li perdo di vista mentre entrano in una specie di stalla da cui provengono parole che assomigliano ad una litania. Forse un loro rito religioso. Pochi secondi dopo riparto incredulo e incuriosito sulla mia Eastern Arrow.

 

 

La strada "14", direzione Spring Green

 

 

Il Wisconsin è il polmone verde che riossigena i miei occhi e che rinnova i miei stimoli. La strada “14”scorre tortuosa tra fitte foreste e finalmente, al posto delle infinite odiose cunette dei giorni scorsi, affronto insieme alla mia Peugeot qualche vera salita. Un paesaggio di transizione che cambia rapidamente. L’autentica desolazione degli stati centrali sta svanendo sotto le mie ruote affilate, lungo la strada cittadine piu’ frequenti e relativamente piu’ grandi in cui è bello fermarsi anche per pochi minuti. Tutto però rimane immerso nella piu’ assoluta tranquillità e nella bellezza della campagna. Le “America’s byways”, le scenografiche strade secondarie usate in questa traversata, sono tra le cose piu’ belle ed appaganti di quest’Avventura straordinaria.

 

Nella nostra nuova storia “The windy city”, la prima pagina è stata scritta, ne rimangono altre due.

 

 

 

Andrea Tozzi

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO