CONDIVIDI

Il turbinio dei giorni precedenti alla partenza si e’ tramutato in un ammasso di ricordi confusi che si sovrappongono. Emergono senza un ordine preciso telefonate ad ambasciate di paesi che sono difficili anche solo da pronunciare, chiavi per la regolazione degli ammortizzatori di misure sempre diverse, liste di materiali da portarsi appresso immancabilmente troppo pesanti e mail da inviare con scadenze irrimediabilmente vicine. Chissa’ quando e se riusciremo mai a razionalizzare tutto questo. 

 

Ma e’ proprio ora, a due giorni dalla partenza e con buona parte del “da fare” alle spalle, che ci si puo’ sedere comodi per un attimo, tirare un respiro profondo (di sollievo) e abbandonarsi a questo mare di esperienze, che e’ gia’ talmente vasto ancor prima di accendere il motore della nostra Peugeot 208. 

Questo e’ anche il momento nel quale tornano alla mente frasi sul momento passate in sordina. Frasi che suonavano allora esageratamente enfatiche, lasciate cadere quasi per scherzo, ma che a ben guardare spiegano perfettamente il senso di questo viaggio… e allora ecco che una manciata di parole buttate li’ in un’officina, mentre con la testa all’insù si verificano le sospensioni di un’auto sul ponte, suonano ora come la perfetta descrizione di quanto ci apprestiamo a fare, come se niente altro potesse cosi’ appieno centrarne l’essenza ovvero che “la differenza non la fa la strada, ma lo spirito con la quale la fai”. 

Si’ e’ vero stiamo partendo per la Mongolia; certo ci andremo con una Peugeot 208 e non su un veloce aereo; sappiamo anche che abbiamo di fronte un paio di deserti, un mare da attraversare su un cargo mercantile, strade sterrate a perdita d’occhio e una quindicina di paesi da attraversare con relative frontiere, ma non pensiamo che il senso stia in questo.
La differenza sta tutta nello spirito col quale ci metteremo in moto, con la consapevolezza che ogni singolo chilometro rappresentera’ qualcosa di nuovo, qualcosa di imprevisto che ci fara’ riflettere, ridere, pensare, piangere, distrarre, crescere e il modo nel quale affronteremo tutto questo . 

 

 

Con questo blog ci piacerebbe condividere con voi tutte queste emozioni, sperando che possa ispirare anche a voi la voglia di viaggiare, di scoprire e di conoscere… che sia un giro dell’isolato, una gita fuori porta o magari anche per voi una scampagnata fino in Mongolia lasciate che la vostra mente e il vostro corpo vi guidino oltre gli orizzonti quotidiani cosi’ da rendere il mondo un po’ meno noioso. 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO