CONDIVIDI

Essere campioni nello sport non basta. Occorre esserlo anche nella vita quotidiana, impegnandosi in prima persona a favore delle persone meno fortunate, quelle che raramente finiscono all’attenzione dei media. Con questo spirito Peugeot Italia (otto scudetti Costruttori nel Campionato Italiano Rally) ed il suo equipaggio di punta formato dal toscano Paolo Andreucci e dalla friulana Anna Andreussi (otto titoli Tricolore nel CIR) sono scesi di nuovo in pista per sostenere concretamente il lavoro della Fondazione ANT Italia Onlus, la più ampia realtà non profit in Italia per l’assistenza medica domiciliare gratuita ai malati di tumore e la prevenzione. Nel 2014 al progetto “Bimbi in ANT” – nato per garantire assistenza ai piccoli malati oncologici nel calore della loro casa – è stato destinato l’importo della vendita all’asta on line della 108 autografata dai protagonisti della finale di X Factor, il popolare talent show, e dell’esclusiva tuta “Special Edition” indossata da Paolo al MonzaRallyShow.

Quest’anno, oltre a sfoggiare ancora in bella vista il logo ANT sulle vetture ufficiali di Peugeot Sport Italia – Anna, Paolo ed il Leone hanno deciso di “metterci la faccia” in uno spot in cui invitano gli appassionati del motorsport ma anche le persone più sensibili al sociale a destinare il “5 per mille” della loro dichiarazione dei redditi a favore della Fondazione (codice fiscale 01229650377).

Fondazione ANT Italia Onlus, nata nel 1978 per iniziativa dell’oncologo Franco Pannuti, è il più grande ospedale gratuito a domicilio in Italia per i malati di tumore. La sua missione si ispira all’Eubiosia (dal greco antico “la buona vita”) perché la dignità della vita sia preservata anche nel delicato momento della malattia. Dal 1985 Fondazione ANT ha portato gratuitamente nelle case di oltre 106mila malati di tumore in nove regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia) un’assistenza socio-sanitaria completa, continuativa e integrata. Più di 4.250 persone sono assistite ogni giorno a domicilio dalle 20 équipe di operatori sanitari che lavorano per ANT e garantiscono cure di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, supportate da oltre 2.000 volontari impegnati nella raccolta fondi (dati aggiornati al 31 dicembre 2014). Sono circa 400 – tra medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, assistenti sociali, operatori – i professionisti che lavorano per la Fondazione. L’assistenza ai Sofferenti di tumore è garantita 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, festività incluse. ANT porta avanti progetti di prevenzione oncologica per la diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO