CONDIVIDI

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio è in programma a Torino – Lingotto Fiere la 30esima edizione di Automotoretrò, una delle rassegne di motorismo e collezionismo storico più significative del nostro Paese.

Peugeot Italia è presente alla manifestazione tramite il suo Club Storico, con uno stand su cui espone tre vetture simbolo dell’evoluzione del concetto coupé secondo il Leone.

S’inizia con la 504 coupé disegnata da Pininfarina nel 1969: grande eleganza e funzionalità, uno stile ancor’oggi attuale. Si prosegue con la 406 coupé, vero successo negli anni Novanta grazie al design elegantemente aggressivo che le è valso il soprannome di “piccola Ferrari”. Si arriva infine alla RCZ, coupé sviluppato secondo i canoni estetici del nuovo millennio, senza però sovvertire i contenuti caratterizzanti del Marchio, cioè il giusto mix tra sportività, eleganza e funzionalità.

_

Automotoretrò è l’ideale continuazione di Retromobile, una delle manifestazioni del settore più importanti in Europa. Si è tenuta a Parigi dall’1 al 5 febbraio, dove L’Aventure Peugeot , ”anima” storica del Marchio, ha raccontato sul suo stand la “saga delle 200”
Il “racconto” iniziava con la 201 del 1929, prima vettura di grande serie con le sospensioni anteriori indipendenti, la prima a utilizzare la sigla identificativa a tre cifre con lo zero nel mezzo.

 

Il percorso storico proseguiva con la 202, la piccola aerodinamica degli anni Trenta, e con la 203 del dopoguerra, con la sua forte connotazione stilistica d’oltreoceano. Gli anni Sessanta erano rappresentati dalla 204, prima trazione anteriore con motore trasversale: una formula
innovativa che sarà copiata da molti, fino a divenire lo standard nel segmento di mercato. Reginetta dello stand a Parigi era, però, una 205 GTI rossa. Col suo mix di eleganza e sportività faceva da traitd’union
tra il passato e il presente, o meglio il futuro, riassunto dalla maquette della nuova 208 che da aprile vedremo sulle nostre strade.
Una 205 GTI rossa da 130 cavalli è entrata di recente a far parte anche della scuderia di vetture del Club Storico Peugeot Italia.
Attualmente è in fase di revisione per poter poi fare da damigella d’onore al lancio della 208, che idealmente rappresenta la continuità della 205 quanto a stile ed emozione.

UN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO