CONDIVIDI

La presenza di Peugeot Italia ad Automotoretrò (Torino – Lingotto Fiere – 7-9 febbraio) rimanda al mondo delle competizioni in cui il Leone è presente sin dalle origini dell’automobile, dato che il dinamismo è da sempre uno dei valori del Marchio.

 

La passione per il Motorsport è presto sfociata nel mondo dei Rally: la prima apparizione risale al 1929 quando una 201 partecipò al Rally di Montecarlo.

Oltre alla presenza con squadre ufficiali, il Leone è rappresentato nei Rally dai cosiddetti clienti privati, ovvero appassionati che hanno scelto una Peugeot per soddisfare la propria voglia agonistica.
Alcuni di questi modelli sono presenti sullo stand realizzato in collaborazione con il suo Club Storico.

 

Il primo è la 204 Gr. 2 che, preparata e pilotata dal piacentino Andrea Bussandri, si aggiudicò il Gruppo 2 del Campionato Romagnolo Rally del 1978. Interessanti le caratteristiche tecniche, all’avanguardia per il suo tempo: il motore con alimentazione a carburatore raggiungeva i 7500 giri/min, il cambio era un cinque marce con frizione idraulica, le sospensioni indipendenti e regolabili.

Secondo “pezzo” ad Automotoretrò 2014 è l’unica 104 ZS Rallye Gr. 2 presente in Italia ancora in condizioni originali. Il motore è un 1360 cc da 80 CV che spinge la vettura ad oltre 165 orari. Caratteristici di questo modello del 1978 sono i parafanghi allargati ed i cerchi Gotti color oro con canale allargato. Proprio con una 104 ZS Rallye Gr. 2 affidata a Gianni Del Zoppo Peugeot Italia si avvicina ufficialmente nel 1970 ai rally nazionali.

 

Gli anni Novanta sono quelli della mitica 205, rappresentata a Torino dalla 205 Rally Gr. A che nel 1990, preparata da Andrea Bussandri, si aggiudica con Stefano ed Orlando Franti il Trofeo Peugeot, la Coppa Italia e partecipa alla finale europea del Trofeo Peugeot, a Clermont Ferrant (Francia). Le sue principali caratteristiche: motore di 1360 cc aspirato da 136 CV a 7500 giri/min; cambio a cinque marce; differenziale autobloccante; sospensioni Peugeot Sport regolabili; quattro freni a disco ventilati.

Con la quarta vettura presente sullo stand si arriva ai giorni nostri e all’immediato futuro. Si tratta della nuova 208 R2 che Peugeot ha sviluppato per la clientela sportiva. Le sue caratteristiche: motore 1598 cc ad iniezione indiretta, con distribuzione bialbero e potenza di 185 CV, cambio sequenziale a cinque marce, frizione monodisco cerametallica, differenziale autobloccante, ammortizzatori regolabili a tre vie.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO