CONDIVIDI

Capita raramente di assistere a un dominio totale di una Casa in un Campionato. Il 21 settembre del 1997 si concludeva a San Martino di Castrozza la cavalcata vincente della Peugeot 306 Gruppo A nel Campionato Italiano Rally 2 litri, la serie alternativa al CIR.

Dieci gare in programma, dieci vittorie, con quattro doppiette per le vetture preparate da AutoSportItalia, partner tecnico di Peugeot Italia, già campioni nel 1996.

Renato TravagliaFlavio Zanella primi al Rally del Gargano, al Rally Isola d’Elba, al Rally Valle d’Aosta, al 100.00 Trabucchi a Saluzzo (il trabucco era un’antica unità di misura utilizzata in quelle zone, corrispondente a poco più di 3 metri), all’Appenino Reggiano e nella gara di casa, il San Martino di Castrozza e Primiero. A loro volta Pier Giorgio Deila e Claudio Vischioni hanno tagliato per primi il traguardo al Città di Torino, al Marca, a Ceccano e alle Alpi Orientali, e si sono presentati a San Martino ancora in grado di vincere il titolo. Ma la conclusione anticipata della gara per un incidente in un campionato monomarca, ha regalato nuovamente il titolo a Travaglia, primo per soli 2” sul compagno di squadra.

Nella classifica finale del Campionato Italiano Rally 2 Litri “Renauto” e “Pigi” hanno chiuso con 115 e 110 punti, precedendo la migliore delle Clio e la 318is della Oral Engineerig, mentre Peugeot è prima nel Campionato Costruttori, con 60 punti validi – contavano solo i sei migliori risultati! – con 24 punti di vantaggio sul secondo.

A riprova della superiorità della 306 il computo delle Prove Speciali. Su 113 disputate le Peugeot ne hanno vinte 84, poco meno del 75%, 58 con Travaglia-Zanella e 29 con “Pigi” Deila- Vischioni.

Quello del 1997 è il secondo Campionato vinto dalla 306, che sarà prima anche nei tre anni seguenti (nel 1999 e 2000 con la versione MAXI) e rimane una delle Peugeot più vincenti in assoluto, grazie a quel carattere e a quella tecnica che oggi ritroviamo sulla sua erede, la nuova 308.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO