CONDIVIDI

Siamo alle porte del Rally siciliano, il Targa Florio ha acceso i motori in queste ore. Il team del Leone, composto dai giovani Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella sono pronti a scattare dal via di Piazza Verdi a Palermo. L’obiettivo è di portare a casa la terza vittoria su tre gare disputate nel campionato italiano rally 2 ruote motrici. Un impegno che vede coinvolto l’equipaggio ufficiale e l’inossidabile PEUGEOT 208 R2B, plurivittoriosa in tanti campi di gara.

Tutto è pronto, il meteo quest’anno non dovrebbe condizionare la gara, su Palermo splende un bel sole e il team di Peugeot Sport Italia ha effettuato le ultime regolazioni all’auto. Il via scatta alle 16:00 dal centro di Palermo e subito dopo ci sarà un primo parco assistenza a Termini Imerese, al Targa Florio Village. La prima prova speciale è prevista per le 17:13. Ci siamo quasi.

Il Coach PEUGEOT, Paolo Andreucci, dopo le due giornate di formazione fatte ai giovani piloti del trofeo Peugeot Competition, ha avuto modo di confrontarsi con Ciuffi e Gonella, per condividere con loro la migliore strategia di gara in un rally bello ed importante come quello siciliano.

Tommaso Ciuffi (pilota Peugeot Sport Italia su 208 R2B): “Devo dire che sono molto soddisfatto di questo inizio di campionato. Aver vinto le prime due gare del calendario mi ha caricato molto e ci ha dato grandi soddisfazioni. Certo è che questa posizione di leadership del campionato ci pone sotto i riflettori ma, ancor più, di fronte al rischio di rovinare tutto. Sarà una gara da gestire molto bene, calcolando bene i rischi e facendo tesoro dei suggerimenti datici da Paolo. Vogliamo rimanere in testa e consolidare il vantaggio. Abbiamo un setup ottimo, una macchina che va molto bene e si dimostra ogni volta molto competitiva. La squadra ci sta dietro con grande attenzione. Insomma, abbiamo le carte giuste per avere successo anche qui, ma non lo dico troppo ad alta voce..”

Paolo Andreucci (Coach e Motorsport Ambassador Peugeot): “I ragazzi stanno facendo un gran bel lavoro, non era facile. La pressione psicologica che si subisce quando si entra a far parte di una squadra ufficiale è tanta, gli occhi sono tutti puntati su di loro, ma stanno dimostrando di saperla gestire. In questa occasione abbiamo studiato bene a tavolino le varie speciali e abbiamo individuato una buona strategia per affrontare queste 17 prove speciali. Ancora una volta, non sarà importante vincere ogni speciale con un vantaggio consistente, ma sarà fondamentale arrivare davanti a tutti alla fine del rally, domani sera”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO