CONDIVIDI

Allora avete trovato la risposta al piccolo quiz che vi abbiamo proposto venerdì sul nostro profilo Facebook? La vettura in questione è la Peugeot 402 che fu presentata al grande pubblico al Salone di Parigi del 1934 (anno di nascita anche di Donald Duck, il Paperino di Disney) che rimase stupito dall’audacia del progetto.

Più che un’auto la Peugeot 402 era, infatti, una vera e propria opera d’arte, in un periodo in cui l’automobile, “nata” solo una quarantina d’anni prima, cercava ancora una propria identità stilistica, oltre che meccanica. A quel tempo nulla era standardizzato, ma ogni particolare si sviluppava secondo la sensibilità ed il gusto dei progettisti.

Ebbene, per la prima volta, con la Peugeot 402, un grande costruttore proponeva una vettura di serie dove l’aerodinamica veniva utilizzata per conquistare, per affascinare il cliente. Due esempi su tutti: i fari integrati nel frontale carenato e la ridotta altezza da terra, proprio come su certe vetture da corsa del tempo. Non è un caso che nel 1936, prendendo come base la 402, Peugeot costruì un prototipo, battezzato “Anno 1940”, in cui l’aerodinamica veniva portata all’estremo.

La Peugeot 402 rivoluzionò anche la meccanica perché fu la prima vettura leggera di serie a montare un motore diesel (un 2300 cc da 55 CV) e soprattutto perché lanciò il cambio automatico, che è quindi una invenzione europea. Poiché era una soluzione troppo costosa per il mercato francese, Peugeot la sottopose all’attenzione di una Casa automobilistica americana che, dopo averla ben studiata, decise di adottarla sui suoi modelli, seguita a ruota dagli altri costruttori statunitensi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO