CONDIVIDI

Operazione C15: sembra il nome in codice di una missione segreta, roba da commandos. Magari lo sarà anche stato, ma nella storia che stiamo per raccontare è l’identificativo di un progetto e di una vettura che ha cambiato la storia sportiva di Peugeot Italia. E, come tutte le storie, anche la nostra potrebbe iniziare con il classico “c’era una volta …”.

Del-Zoppo-Sanremo-85-photo-4

Allora, c’era una volta – era la fine del 1984 – una giovane vettura da rally, la Peugeot 205 T16 che, nonostante fosse al suo primo anno agonistico, aveva già dimostrato di che pasta fosse fatta conquistando tre vittorie nelle ultime tre gare mondiali della stagione. Sull’onda di queste premesse, Peugeot Italia decise di avviare un programma nazionale basato su questo nuovo “Leone da rally”. Il momento era favorevole: dal 1979 al 1984, direttamente o indirettamente l’impegno della filiale italiana nei rally era stato premiato da numerosi successi, ma si trattava sempre di affermazioni di classe. Ora, anche su suggerimento della Casa madre, era arrivato il momento di puntare in alto: al primo posto assoluto. L’equipaggio era già pronto: Gianni Del Zoppo, il pilota comasco cresciuto sotto l’ala del Leone, e la copilota Betty Tognana. Restava solo da definire la struttura tecnica.

 

La 205 Turbo 16 assegnata da Peugeot alla filiale italiana (vettura siglata “C15”) fu affidata all’Osella Rally, creata ad hoc da Mariolino Cavagnero in un locale messogli a disposizione dal costruttore torinese Enzo Osella nella sua factory di Volpiano. La gestione sportiva fu affidata a due ex navigatori di grande esperienza come Roberto “Rudy” Dal Pozzo e Claudio Berro.

 

Il programma sportivo 1985 comprendeva anche una 205 GTi 1.9 Gruppo A per l’equipaggio “rosa” composto dalla lecchese Pierangela Riva e dalla padovana Maria Grazia Vittadello, vincitrici del tricolore femminile nel 1983 con la 205 GTi 1.6.

img991

28 marzo 1985, Rally Mille Miglia: il giorno del debutto. Si correva sull’asfalto, fondo più adatto alle due ruote motrici che alle 4×4, come era la portacolori del Leone. Per la “turbosedici” italiana fu la classica gara d’esordio, con Del Zoppo attento a non sbagliare e a prendere in mano la vettura dopo i pochi chilometri di test che aveva potuto effettuare in precedenza sulla pista della Osella. Sulle venti Prove Speciali in programma il pilota Peugeot viaggiò costantemente all’interno della “top five”, per poi chiudere in seconda posizione.

 

Rally Città di Sassari, la prima vittoria assoluta Peugeot: la 205 T16 del Leone pagò un inizio di stagione con qualche piccolo peccato di gioventù, ma la riscossa arrivò il 22 giugno 1985 quando Gianni Del Zoppo e Betty Tognana trionfarono al Rally Città di Sassari, regalando alla Peugeot la prima vittoria , oltre i 140 km/h su terra, miglior tempo su tutte le 21 PS resero ancora più affascinante questa “première”. La prima stagione italiana della 205 T16 – che si concluse con una vittoria, un secondo posto e con 49 PS vinte – servì a mettere a punto la 205 T16. L’esperienza accumulata consentirà l’anno seguente i grandissimi risultati di Andrea Zanussi, ma questa è un’altra storia.

Rally-Città-di-Sassari

Il lieto fine: quella che avevamo iniziato con “c’era una volta …”, termina nel modo più classico, con le nozze del “principe azzurro” con la “principessa”. Gianni Del Zoppo, infatti, sposò Pierangela Riva, sua compagna di squadra nell’equipaggio femminile. Dalla loro unione è nato Alessandro che, quando ha voluto seguire la strada dei due genitori, ha cominciato a correre con una Peugeot nell’omonimo trofeo promozionale… e tutti vissero felici e contenti!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO