CONDIVIDI

Momento storico: apre per la prima volta al pubblico il Fort de Brégancon, la residenza estiva dei presidenti della Repubblica francese. Un tempo roccaforte inespugnabile, nei pressi della città di Tolone, non lontano dalla Provenza celebrata da poeti e chansonnier, Fort Brégancon ha attraversato la storia della Francia. Dai conti di Provenza e d’Anjou a Francois Hollande, senza dimenticare il generale de Gaulle.

 

 

Brégancon è sempre stata una roccaforte discreta, silenziosa, riservata. Poche le visite o i soggiorni illustri, di principi, re, monarchi. Per pochi giorni fecero tappa a Brégancon Carlo IX e la madre Caterina d’ Medici, durante una delle loro visite ufficiali in Provenza. Richelieu, primo ministro e acuto stratega, nel XVII secolo, sfrutta il territorio per le campagne militari contro la Spagna. Come farà più tardi il generale Napoleone, non ancora imperatore.

 

Durante il conflitto franco-prussianio, poi (siamo già nel 1870) il Forte viene utilizzato come caserma, per conservare armi, munuizioni, polvere da sparo. Durante la prima guerra mondiale ospiterà una guarnigione e dopo il 1919 sarà affittato a privati, tra i quali Robert Bellanger, senatore e costruttore di automobili, al quale si deve l’attuale struttura del Forte composto da tre edifici collegati tra loro.

 

Il primo presidente francese a beneficiare di Brégancon fu il generale de Gaulle. Nel 1964, nel XX anniversario della liberazione della Provenza, De Gaulle è ospitato al Forte, ma il soggiorno fu drammatico: Il letto era troppo piccolo, l’afa e il caldo sono insopportabili, quell’estate poi, Brégancon è invasa dalle zanzare che non danno tregua all’illustre ospite. Si decide, quindi, di procedere alla ‘bonifica’ del luogo ricorrendo ad un celebre architetto della Marina nazionale, Pierre-Jean Guth. I lavori si conclusero nel 1968.

 

De Gaulle non ritornerà mai più a Brégancon, preferendo la solitudine della sua residenza privata a Colombey-les -Deux-Eglises. Sarà Georges Pompidou, il primo, presidente francese a frequentare Brégancon dove trascorre la maggior parte delle vacanze, sempre al volante della sua Peugeot 504, con tanto di sigaro in bocca.

 

Dal 1974 sarà un’altra celebre coppia a frequentare l’antico maniero: gli aristocratici Valery e Anne -Aymone Giscard d’Estaing adorano quei luoghi. Soprattutto la ‘première dame’ che coltiva la passione per i fiori e si dedica al giardinaggio. Più distante Francois Mitterand che preferisce a Brégancon la villa di famiglia di Latche nella regione dell’ Aquitania.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO